giovedì , dicembre 12 2019
Banner_LPMAPA_100 Tazza 100x300 Tazza 100x300




Si è chiusa la quarta edizione di “Jazz Inn Capri”

Con un concerto del grande Tullio De Piscopo cala il sipario su Jazz Inn Capri 2014 che per tre giorni ha animato la Certosa di San Giacomo a Capri.
Con una grande performance nell’antica Certosa di San Giacomo del maestro Tullio De Piscopo uno dei grandi nomi del panorama del jazz accompagnato da Joe Amoruso al piano, Antonio Onorato alla chitarra, Dario Deidda al basso e al sax Luigi Di Nunzio si è chiusa la quarta Jazz-in-Capri-2014edizione di “Jazz Inn Capri”. Un evento musicale che in pochi anni si è ritagliato uno spazio di rilievo nell’ambito delle rassegne che propongono agli appassionati musica jazz. Il festival organizzato dall’associazione Jazz inn Capri in sinergia con l’Associazione Musicology e “Nesea Capri Eventi Culturali” e che si avvale come main sponsor del Banco di Napoli e della collaborazione della Fondazione Pomigliano Jazz ha avuto la presenza nel complesso monumentale della Certosa di San Giacomo nella sua tre giorni jazzistica di un pubblico di centinaia di persone per ogni serata, tra turisti, vacanzieri e appassionati che hanno accolto l’invito dell’assessorato alal cultura della Città di Capri che ha organizzato la kermesse in collaborazione con l’Assessorato al Turismo della Regione Campania e la Soprintendenza Speciale per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico e per il polo museale della città di Napoli e della reggia di Caserta. Il festival di quest’anno ha avuto la presenza di artisti straordinari nel vasto panorama musicale del jazz internazionale che il direttore artistico Elio Coppola è riuscito ad ottenere per farli esibire sul palcoscenico fatto allestire nel chiostro grande della storica e seicentesca Certosa. Il festival seguendo una tradizione nata a New Orleans si è aperto con l’esibizione della Salerno Street parade che, partita dalla piazzetta, ha sfilato lungo le strade del centro storico diffondendo le note del jazz nel cuore antico di Capri. Poi in Certosa è stata la volta di Fabrizio Bosso. Il famoso trombettista italiano è entrato a pieno titolo nell’albo dei musicisti internazionali ad esibirsi in Certosa per un pubblico raffinato accompagnato da un gruppo di giovani musicisti. All’organo hammond Antonio Caps, alla batteria Elio e la voce di Walter Ricci a interpretare brani della musica italiana in chiave swing. Sempre la Certosa di San Giacomo è stato lo scenario naturale in cui si è esibito il pianista newyorchese Aaron Goldberg tra i nomi più famosi della scena jazzistica mondiale, accompagnato nella sua esibizione dal contrabbassista Reuben Rogers e dal batterista Greg Hutchinson. Un trio di numeri uno che ha emozionato il pubblico della Certosa. E con il concerto di “Napoli Jazz Project” e di un grande protagonista napoletano della musica come Tullio De Piscopo, tra gli applausi entusiasti di una Certosa affollata come non mai, è calato il sipario sulla quarta edizione di “Jazz Inn Capri” e con i saluti istituzionali dell’assessore regionale al turismo Pasquale Sommese, del sindaco di Capri Gianni De Martino e dell’assessore alla cultura di Capri Caterina Mansi che hanno ringraziato il pubblico italiano e straniero che per tutte le serate ha partecipato massicciamente all’evento godendo del sito monumentale della Certosa di San Giacomo, dando loro appuntamento alla quinta edizione che si terrà sempre nel complesso certosino negli ultimi giorni di agosto del 2015.

 

Check Also

Concerto, Neapolitan Shakespeare alla Feltrinelli 🗓

Il progetto musicale Neapolitan Shakespeare, infatti, ha incantato la giuria del Premio Procida Isola di …