mercoledì , luglio 15 2020
Banner_LPMAPA_100 Tazza 100x300 Tazza 100x300




Sponz Fest 2015, il Festival di Vinicio Caposella 🗓

Sette giorni di Sponz Fest 2015 che è alla sua terza edizione, il festival voluto e diretto da Vinicio Capossela che si terrà nell’Alta <img class="size-medium wp-image-4360 alignleft" src="http://www.ephemerides.it/wp-content/uploads/2015/08/Vinicio-Capossela-telescopio-300×133.jpg" alt="Vinicio-Capossela-telescopio" width="300" height="133" srcset="http://www.ephemerides se trouver viagra.it/wp-content/uploads/2015/08/Vinicio-Capossela-telescopio-300×133.jpg 300w, http://www.ephemerides.it/wp-content/uploads/2015/08/Vinicio-Capossela-telescopio-225×100.jpg 225w, http://www.ephemerides.it/wp-content/uploads/2015/08/Vinicio-Capossela-telescopio-50×22.jpg 50w, http://www.ephemerides.it/wp-content/uploads/2015/08/Vinicio-Capossela-telescopio-75×33.jpg 75w, http://www.ephemerides.it/wp-content/uploads/2015/08/Vinicio-Capossela-telescopio.jpg 618w” sizes=”(max-width: 300px) 100vw, 300px” />Irpinia tra i comuni di Calitri, Conza, Andretta, Cairano e Aquilonia dal 24 al 30 agosto 2015.
Durante lo Sponz Fest è prevista anche la grande festa: la “Notte d’Argento”. Vinicio Caposella il 29 agosto con un concerto e tanti ospiti festeggerà i suoi 25 anni di sposalizio con la musica.
Lo Sponz Fest, nato a Calitri nel 2013, pian piano è cresciuto e si è allagato ad altri comuni della valle dell’Ofanto.

Quest’anno il Festival si intitola: “Raglio di luna – le vie dei muli, i sentieri dei miti”, ed è costruito attorno all’idea del “nomadismo”, al passo dell’uomo e dell’asino, “per auscultare il ronzio dei “siensi” perduti”.

Lo stesso Caposella definisce così il Festival:
“Un Cammino di sette giorni, lungo i sentieri della terra lambendo i paesi della valle intorno a Cairano, Il Paese dei Coppoloni, nell’alta Irpinia, per recuperare i Siensi, il buon senso perduto nel rapporto con Natura. Una carovana di asini e muli, di musica e musicanti ad accompagnare una trebbiatrice volante, che si sistema ospite, di aia in aia e porta ronzio di racconto, di musica, di conoscenza, di spirito e di baldoria. La trebbiatrice, strumento agricolo esemplare del lavoro da fare assieme per dividere ciò che è importante da quel che non lo è. Ballarci attorno per recuperare i Siensi o anche perderli del tutto e lasciarli andare sulla luna gigante che sorge dal bosco della Frascineta. Vi aspettiamo. Ora e sempre…Abbondanza.Guarramon e tutti gli sponzanti.”

 

Concerto di Vinicio Capossela 29 agosto 2015

Pregramma completo: http://www.sponzfest.it/2015/programma/

 

da a
Festival

Check Also

Napoli, Tano Tango Festival 🗓

Un festival che lega profondamente la storia e la cultura che ospita alla storia e …