domenica , dicembre 8 2019
Banner_LPMAPA_100 Tazza 100x300 Tazza 100x300




Piccola Patria prima mostra personale di Renato Leotta

Dal 14 marzo all’8 maggio – La Galleria Fonti è lieta di presentare Piccola Patria prima mostra personale di Renato Leotta in galleria. Renato Leotta concentra la sua ricerca sull’osservazione del paesaggio e dell’architettura pensando la mostra come un
Piccola-Patria-Renato-Leotta-2015racconto regolato dalla continuità del giorno e della notte; un paesaggio determinato dal mare e dalla sua temporalità.
La spiaggia è lo studio dell’artista; una dimensione di lavoro che riflette sull’uomo e sulla sua capacità di collocamento
nella sfera del reale e di maturazione dei sentimenti. Questo pensiero è proposto dall’artista come «reazione ad una –
improprietà- di natura psicologica che riflette i caratteri della cultura occidentale», indicando un rallentamento come
invito all’osservazione.
«É possibile fermare un’onda con lo sguardo descrivendola in una sola immagine? Il tempo nel suo scorrere diventa un
luogo da abitare capace di ridefinire le convenzioni che regolano e determinano la nostra vita.
Ho alternato per diverse giornate in Sardegna l’esercizio di osservazione delle onde alle passeggiate per le sale del Museo
Archeologico, l’elemento che accomuna questa esperienza nel procedere é il vento. Un forte Maestrale colpisce il versante
nord ovest dell’isola per poi attraversare diagonalmente il Mediterraneo; le persone, gli animali che lo abitano e le
architetture che lo compongo, modellandoli.
Un paesaggio morbido carico di temporalità si mescola con quello interiore, una piccola patria composta da elementi
primari; ho pensato in questi termini al lavoro che ho perseguito in questi anni, considerando il mare come un orologio.
Sempre é un lavoro ambientale di genere profetico composto da rilievi di spiagge e dipinti ad acqua fluttuanti, presentato in
occasione della mostra personale a Napoli.
Ho realizzato i primi rilievi sulla sabbia a Catania con il desiderio di bloccare una traccia che testimoniasse la mia presenza.
In estate avevo scoperto per la prima volta da bambino la forma del corpo di una donna e l’avevo riprodotta modellando
sulla superficie della spiaggia delle curve che ricordassero la linea dei fianchi ma anche delle maree, come un primo
esercizio di architettura e di memoria.
Sulla spiaggia romana tra Cuma e Licola e poi in quella vulcanica di Portici ho riprodotto dei cerchi di sabbia seguendo il
riflesso del sole che corre lungo la superficie del mare fino al bagnasciuga.
Lo spazio espositivo della galleria è diviso in due volumi speculari da un doppio arco che mi ricorda l’architettura di
Angiolo Mazzoni e i suoi studi su Ernesto Basile nel tempo in cui progettava l’edificio delle poste e telegrafi di Palermo e
l’imbarco traghetti della Stazione di Messina Marittima. Ho pensato di utilizzare la luce naturale aprendo le due finestre
disposte al fondo della sala per diluire il display con lo spazio esterno nelle diverse fasi del giorno e della notte.
Sulle pareti scorrono delle tele quadrate di carta salata: il movimento, regolato da un sistema meccanico a filo, mette in
moto lo spazio rielaborando una percezione partecipata in cui decadono i cliché di fruizione e contemplazione del supporto
pittorico. La carta scivola lungo le pareti ricordando un pensiero sotteso e le vele di una imbarcazione».
Renato Leotta è nato a Torino nel 1982. Vive e lavora in Italia

Galleria Fonti
via chiaia 229
Napoli – Italia
tel/fax +39081411409

Check Also

La mostra “Ombre Prosequio” di Amedeo Gabucci 🗓

Si inaugura venerdì 4 settembre alle ore 19.00 la mostra Ombre Prosequio di Amedeo Gabucci …