Banner_LPMAPA_100 Tazza 100x300 Tazza 100x300




Positano Teatro Festival, Premio Annibale Ruccello

“Gli amici se ne vanno – le note ineguali di Umberto Bindi”, questo il titolo dello spettacolo presentato, il primo di agosto, al Positano-Teatro-Gli-Amici-se-ne-vanno-2015Positano Teatro Festival – Premio Annibale Ruccello, scritto da Gianmarco Cesario ed Antonio Mocciola, in cui si racconta la storia del cantautore genovese Umberto Bindi, della sua carriera, e, soprattutto, dell’ostracismo di cui fu vittima per colpa della sua omosessualità, sullo sfondo di un’Italia che dagli anni sessanta ai 2000 , passando per i colorati e finti anni ’80, continua ancora oggi a fare i conti con ipocriti e bigotti perbenismi. Protagonista assoluto in scena, nonché regista dello spettacolo, il cantante attore Massimo Masiello, che con intensità e talento disegna il ruolo del cantautore in maniera più che convincente, ed interpreta 8 dei suoi successi, da “Arrivederci” a “Il Nostro Concerto” “Il Mio Mondo” e “La Musica è finita”, dal cui testo è tratto il titolo dello spettacolo, con i preziosi arrangiamenti di Jennà Romano dei Letti Sfatti. In un’elegante ed essenziale scenografia in bianco e nero, opera di Francesco Esposito, Masiello si muove tra un episodio e l’altro della vita di Bindi (viene ricordato anche il misteriosi omicidio di cui fu vittima la madre) ed anche una serie di riflessioni sugli avvenimenti che caratterizzarono l’epoca in cui egli visse. Un’occasione di buon teatro ed ottima musica che con leggerezza aiuta a riflettere ed a commuoversi, così come il Direttore artistico del Festival, Gerardo D’Andrea, in prima fila accanto al vice sindaco di Positano, Francesco Fusco, non ha mancato di sottolineare.

Check Also

Antro Versi “A Cuma per la Sibilla” 🗓

Versi da dentro, dal profondo dell’anima e dall’interno di un luogo fisico e metafisico come …