domenica , dicembre 15 2019
Banner_LPMAPA_100 Tazza 100x300 Tazza 100x300




Intervista a Nino di Costanzo, il grande Chef e la cucina di mamma e nonna

Un uomo dinamico, legato alla propria terra, alla famiglia e ai valori: questo è Nino Di Costanzo, lo chef protagonista della cucina del Terme Manzi Hotel di Ischia.

Raccontaci chi sei e che cosa fai nella vita in una manciata di parole.
Sono una persona che vive di passioni, di amori, di determinazione … e naturalmente di cucina.

Nino Di CostanzoCi racconti la giornata tipo di un cuoco “stellato”?
Beh posso raccontare la mia. Sveglia alle 6:30 del mattino e subito in giro per fare la spesa del pesce, sicuramente la più impegnativa. Poi si ritorna in cucina fino alle due di notte dando il massimo per fare in modo di offrire un’ esperienza unica e straordinaria ad ogni commensale.

Che cosa ti ispira a creare un nuovo piatto?
L’ispirazione di un nuovo piatto deriva dal quotidiano, dalla tradizione e dal territorio in cui vivo. A volte credo che le ricette dei piatti siano già scritte da qualche parte, basta solo trovarle.

Come hai cominciato a cucinare?
Ho cominciato giovanissimo, appena undicenne, seguendo la mamma e la nonna, che mi hanno trasmesso il piacere e l’amore per la cucina.

 C’è qualche chef che ammiri particolarmente?
Tutti quelli con cui ho avuto il piacere e l’onore di lavorare, in primis mamma e nonna.

 Che cosa faresti se non fossi uno chef?
Sicuramente un lavoro che mi permetterebbe di esprimere la mia creatività: architetto, designer …

Si dice che i cuochi non siano in realtà delle buone forchette, e che non amino mangiare: da commensale, e non da chef, che cosa preferisci mangiare?
A me sinceramente piace mangiare, cibarmi di cose buone e di prodotti di altissima qualità, anche se di materia prima povera.

Gli accostamenti più arditi che hai sperimentato?
Beh negli ultimi anni cerco sempre di fare meno accostamenti arditi e di puntare sempre di più sull’essenza del gusto della materia stessa rispettandola in tutte le sue caratteristiche.

A quale piatto della tradizione del tuo paese natio ti senti più legato?
Sicuramente tutti i piatti della mia infanzia, tutti quelli con cui sono cresciuto: dalla pasta asciutta al coniglio al pesce nelle sue preparazioni più semplici.

Qual è il complimento migliore che hai mai ricevuto?
Quello che riceverò domani …

Check Also

Pimp Your Cup, concorso ideazione tazzine Caffè Kenon 2016

Fino al 20 settembre 2015 è possibile partecipare alla nona edizione di Pimp Your Cup, …